Alcuni siti internet realizzati dalla nostra Web Agency

Ri-proponiamo l'articolo di HD blog: L’era delle app a pagamento è finita: le più redditizie sono quelle gratuite

Questa settimana sarà ricordata per sempre come cornice di una svolta significativa per la storia dell’App Store. Infatti per la prima volta dal momento in cui Pages (l’elaboratore di testi di Apple) è uscito, nella classifica delle 10 applicazioni più redditizie (App Store USA) non erano più presenti apps a pagamento per iPad.

Quando nacque l’App Store per iPad, le applicazioni a pagamento dominavano, con prezzi notevolmente più elevati rispetto a quelle per iPhone. Negli ultimi due anni però, gli sviluppatori si sono resi conto che le apps gratuite con un sistema in-app purchase intelligente e upgrade appetibili per l’utente (come, ad esempio, Ruzzle), creano molti più introiti rispetto alle app a pagamento.

Lo stesso principio lo stanno applicando all‘App Store per iPhone, in cui, attualmente, è presente solo un’applicazione a pagamento nella classifica delle top 20 app più redditizie.

Le app a 0,89 centesimi stanno scomparendo lentamente lasciando il posto a quelle gratuite con all’interno l’acquisto di pacchetti aggiuntivi. Non escludiamo, quindi, che da qui a qualche anno, le applicazioni a pagamento scompariranno del tutto. Sull’uso e abuso del sistema in-app purchase per come viene effettuato oggi, ci troviamo spesso in disaccordo soprattutto nel gaming. Speriamo che questa svolta possa giocare anche a favore degli utenti, che sempre più spesso lamentano un utilizzo dell’in-app purchase a puro scopo di lucro, tralasciando lo spirito fondamentale, ossia quello di offrire contenuti aggiuntivi a pagamento se richiesti dalll’utente, per arricchire un prodotto e prolungarne longevità e funzionalità.

Questo ed altri articoli su hdblog.it

Condividi

App Store